Giugno 27, 2017

L’inganno della sovranità europea: una risposta a Tomaso Montanari

Tomaso Montanari per la sovranità europea e la piena occupazione: ma il Trattato di Lisbona è liberista

di Ferdinando Pastore, responsabile Europa Nell’era del pensiero unico neo-liberista, nella quale appare inverosimile mutare le politiche d’indirizzo economico, presentate alla collettività come necessarie, ineluttabili, dettate dal pilota automatico, si rincorrono, in Italia, tentativi di ricostruzione della sinistra, che di continuo sono progettati mediante appelli alla società civile al fine di attuare la Costituzione italiana. COSTITUZIONE, SOCIETA’ CIVILE, CORPI INTERMEDI …

Continue reading
Maggio 21, 2017

Lo Statuto dei Lavoratori: l’Europa di Maastricht contro il Lavoro

20 maggio 1970: lo Statuto dei lavoratori è legge

di Franco Bartolomei Il 20 Maggio 2017 e’ l’ anniversario della approvazione della Legge 300, lo Statuto dei Lavoratori, voluto dal ministro sindacalista socialista Giacomo Brodolini. Una grande vittoria politica del nostro vecchio Partito Socialista Italiano, che ha realizzato compiutamente il dettato costituzionale nei rapporti di lavoro, creando gli strumenti giuridici che hanno garantito ai lavoratori per moltissimi anni la …

Continue reading
Aprile 12, 2017

La Francia di Melenchon, speranza per la sinistra

I socialisti con Melenchon presidente

Risorgimento Socialista sostiene, per le elezioni presidenziali francesi, Jean Luc Melenchon, candidato socialista di sinistra del Front de Gauche. Alla guida del movimento “La France Insoumise” (la Francia Ribelle, la Francia Insubordinata), Melenchon ha scalato i sondaggi, staccando il candidato socialista Benoit Hamon e il candidato gollista Francois Fillon. C’è una possibilità che al ballottaggio il liberale Macron o Marine …

Continue reading
Aprile 12, 2017

L’Europa e la Russia di Putin

Putin demonizzato dall'Economist come nuovo Hitler

di Alberto Benzoni L’EUROPA POSSIBILE E LA RUSSIA NEMICA Anni fa, poco dopo la morte di Stalin, Altiero Spinelli rifletteva, nel suo diario, sulle inevitabili conseguenze dell’evento. “ Se sino ad oggi”- diceva, “l’Europa si è mossa con grande determinazione, verso l’integrazione politico-militare è stato per il concreto timore di essere aggredita dall’Unione Sovietica. Morto Stalin lo spettro della guerra …

Continue reading