Giugno 22, 2017

Pace, neutralità, multipolarismo: la politica estera di Risorgimento Socialista

  di Franco Bartolomei La crisi del modello liberista e del sistema finanziario, e l’esaurimento della spinta espansiva dei processi di globalizzazione, a cui le stesse classi dirigenti mostrano di non essere in grado di porre rimedio in termini di trasformazione del modello di sviluppo delle economie sviluppate, rendono precario l’equilibrio unipolare dei rapporti internazionali costruito dopo l’89 sulla egemonia …

Continue reading
Maggio 13, 2017

Globalizzazione: necessità e fattore di crisi del sistema

I paesi ricchi hanno bisogno della globalizzazione per esaurimento mercato interno

di Franco Bartolomei I processi di globalizzazione finanziaria, già avviati nella fase dell’esaurimento del modello Keynesiano negli Stati più sviluppati, si sono consolidati in modo definitivo dopo la riunificazione del mercato mondiale conseguente alla fine dell’URSS e la riorganizzazione liberista e monetarista dell’Europa, determinata da Maastricht e Lisbona, dalla libera circolazione transnazionale dei capitali, e dalla trasmissione diffusa dei processi conoscitivi …

Continue reading
Gennaio 7, 2016

Sviluppo tecnologico illimitato, conseguenze politiche

Cosa è cambiato rispetto a qualche anno fa quando i nostri genitori non permettevano, attraverso divieti e vincoli, di passare intere giornate a vedere la televisione? Allora si pensava che ciò potesse allontanare i bambini (ma anche per gli adulti non era considerata cosa socialmente rispettabile) da una crescita sana sia in relazione al rapporto con la società, sia riguardo …

Continue reading
Novembre 7, 2015

Per un nuovo modello di sviluppo

Da tempo mi sto dedicando allo scenario che potrà avere il mondo in cui viviamo con l’affermarsi sempre più invadente della tecnologia produttiva sino ad arrivare, attraverso la robotizzazione alla scomparsa del lavoro. Ho citato, nei miei precedenti interventi Marx e Paolo Sylos Labini. Non mi scordo di Jeremy Rifkin e le suo libro “La fine del lavoro”, ma oggi …

Continue reading