Dicembre 18, 2017

Potere al Popolo, strategia populista ed Eurozona

I socialisti accettano la sfida_POTERE AL POPOLO

di Ferdinando Pastore e Franco Bartolomei Quando ci si ripromette di affrontare la crisi della politica e di conseguenza di tentare di dare una rappresentanza all’esclusione sociale provocata dal neo-liberismo, non basteranno coraggio e buona volontà, come quelli mostrati dai  compagni di Je so’ pazzo, che cercano, andando contro le mode antagoniste negriane, di coinvolgere quel “basso” tagliato fuori dall’insistenza della …

Continue reading
Dicembre 18, 2017

Il Manifesto di Potere al Popolo

I socialisti accettano la sfida_POTERE AL POPOLO

Alle elezioni politiche del 2018, Risorgimento Socialista sostiene Potere al Popolo, la lista proposta dai compagni e dalle compagne dell’ex OPG Je So Pazzo, e a cui hanno aderito comitati di lotta e assemblee del Brancaccio, il PRC, il PCI, Sinistra Anticapitalista e la Piattaforma sociale Eurostop. Il manifesto della lista, che vuole riportare in Parlamento i lavoratori e le …

Continue reading
Novembre 14, 2017

Dopo le elezioni in Sicilia: la mossa del cavallo

Di Alberto Benzoni Nel suo commento dedicato alle elezioni siciliane, Franco Bartolomei sottolinea il fatto che nessuna delle forze politiche presenti all’appuntamento (con la parziale eccezione del centro-destra) sia stata in condizione di realizzare il suo disegno politico: la sinistra di opposizione confinata nel suo piccolo spazio tradizionale, il Pd senza voti e senza alleanze, il M5S, lontano dalla maggioranza …

Continue reading
Ottobre 18, 2017

Il Brancaccio? Non è la risposta

Anna Falcone e Tomaso Montanari, appello unità della sinistra

di Ferdinando Pastore Negli ultimi giorni, definitivamente, il Brancaccio ha gettato la maschera: la portavoce di quell’iniziativa, Anna Falcone, ha sottolineato l’importanza strategica di Massimo D’Alema. Di più! Tutti dovremmo riconoscere la sua centralità per aver detto, per primo (sic!), che oggi serve una nuova compagine sociale, unita, a sinistra. Quindi D’Alema. Ma a questo punto perché Renzi no? Dov’è …

Continue reading