RISORGIMENTO SOCIALISTA considera il Governo Draghi , il completamento politico ed istituzionale, definitivo , di un processo complessivo di involuzione autoritaria del paese, in atto da tempo , .che dopo aver ha portato alla omologazione del nostro complessivo sistema paese agli schemi ed i modelli della societa’ di mercato ed alle logiche economiche e produttive del sistema liberista , sta ora stravolgendo la nostra stessa vita democratica attraverso la alterazione degli equilibri costituzionali delle nostre strutture di governo dello stato e della corretta interpretazione costituzionale del principio di responsabilita’ di governo .

Questo complessivo processo sociale, economico, produttivo ,e culturale, che ha progressivamente investito il nostro mondo politico , i rapporti di classe , le nostre strutture economiche e finanziarie, il nostro sistema monetario, la coscienza sociale, i modelli culturali e comportamentali collettivi , che ha progressivamente prodotto lo svuotamento della sovranita’ costituzionale del paese e lo smantellamento della nostra costituzione materiale , attraverso la distruzione degli strumenti pubblici di direzione dei processi economici e delle scelte sociali , realizzando la omologazione di tutto il nostro modello di rapporti sociali e produttivi , trova nel governo Draghi un momento di esaltazione istituzionale assoluta , attraverso l’ azzeramento ulteriore della valenza decisionale del sistema politico, e la definitiva esaltazione della centralita’ e della indipendenza dell’esecutivo da ogni residuo vincolo di rappresentanza democratica .

La gestione commissariale del Paese, assunta da Draghi in via solo apparentemente emergenziale e straordinaria , e’ esplicitamente caratterizzata nei suoi indirizzi di governo da una gestione del paese secondo le compatibilita’ imposte dal sistema finanziario euroatlantico , dal capitale multinazionale , e dal sistema monetario e dalle regole normative introdotte dai trattati di Maastricht e Lisbona .
L’azione dell’esecutivo , coperto in modo assoluto dalle autorita’ finanziare sovranazionali , stringe in realta’ definitivamente , dietro una apparente necessita’ di salvaguardia del paese, tutto il nostro sistema di governo ad un assetto di potere e di rapporti sovranazionali , ad esso sovraordinato , che determina rigorosamente le linee di sviluppo e di modello secondo le esigenze globali del sistema .

La violenta accelerazione di questa involuzione autoritaria trova la sua necessita’ strutturale in una esigenza di controllo e di governo delle contraddizioni profonde delle societa’ nazionali e dei rapporti produttivi aperte dalla crisi strutturale dei processi di crescita che investe tutto il sistema finanziario ed produttivo dei paesi capitalistici sviluppati , non piu’ in grado di garantire processi di crescita e di sviluppo consistenti e continuativi , tali da garantire livelli di mobilita’ sociale e certezze di prospettive di vita adeguati a stabilizzare processi democratici caratterizzati , come in passato , da livelli ampi di autonomia dei soggetti sociali e dal riconoscimento di rappresentanza, anche conflittuale , nella espressione della domanda sociale .

Questa nuova impostazione autoritaria del potere nelle societa’ capitalistiche sviluppate , fondata su una utilizzazione strumentale massiccia di tutto il sistema mediatico ed informativio , si manifesta anche fuori dai rapporti sociali e produttivi , ed esprime una necessita’ di regolazione , controllo , omologazione culturale e comportamentale , disciplina sociale , ed uniformita’ di risposta , da parte dei cittadini , che e’ ormai divenuta strutturale ad un sistema sociale ed economico che vuole gestire una crisi tendenziale del suo sviluppo , se non addirittura un processo recessivo irreversibile.

La stessa gestione delle politiche sanitarie determinate dalla pandemia da parte del governo Draghi, e la natura giuridica di tutto il sistema sanzionatorio stutturato a tutela dell’obbligo di vaccinazione dei cittadini ,. denota questa impostazione pressante , intollerante, ed illiberale , che considera il cittadino uno strumento di consenso sociale attivo per il potere , oppure un nemico che viola l’ordine sociale , in una logica tipica del mercato e della redditivita’finanziaria in cui il risultato e’ il valore ,ed il costo sociale un accessorio relativo .

In tal modo il governo abdicando ad diretta assunzione di responsabilita’ delle proprie scelte, punta a scaricare le difficolta’ oggettive della situazione sui cittadini che si avvalgono della scelta personale di non vaccinazione , favorendo una conflittualita’ civile strisciante tra i cittadini , mascherando la responsabilita’ primaria delle scelte di sistema nel taglio della spesa pubblica che ha reso il sistema sanitario pubblico non piu’ in grado di reggere in modo completo l’emergenza.

In particolare viene congegnato un sistema sanzionatorio, fissato a tutela di una pur legittima, e scientificamente ammissibile, scelta normativa di prescrizione di obbligo vaccinale , in cui la fase escludente e limitativa della circolazione applicabile a chi sceglie la non vaccinazione , perfettamente ammissibile costituzionalmente in termini di salvaguardia collettiva , viene sostituita da norme, del tutto contrario al dettato sostanziale delle disposizioni costituzionali ,dirette a forzare psicologicamente e socialmente il consenso dei cittadini renitenti verso la vaccinazione , che introducono limitazioni insostenibili su alcuni aspetti che rientrano nell ‘esercizio di diritti fondamentali ed inviolabili secondo costituzione , come lavoro salute e vita.
In particolare l’introduzione del green pass per i lavoratori dipendenti senza possibilita’ di avere tamponi gratuiti per i controlli alternativi , o norme violente come l’impossibilita’ di ritirare la pensione senza vaccini o la perquisizione dei carrelli di spesa , o peggio la suggestione criminosa e medioevale , fatta circolare colpevolmente da dirigenti importanti delle strutture amministrative , per cui i non vaccinati non andrebbero diritto ad essere curati nelle struture pubbliche , sono norme dirette solo a forzare psicologicamente le scelte individuali dei singoli verso il vaccino che integrano una forma di costrizione morale assolutamente incostituzionale in quanto viene realizzata andando ad incidere su diritti di pari livello costituzionale , come vita, ( salute e alimentazione ) e lavoro .

La totalità e la profondità di questo disegno tecnocratico ed autoritario, che investe tutti gli aspetti della società e dello stato ci convince della necessità di un nuovo progetto di ricostituzionalizzazione del paese , DEMOCRATICO e SOCIALISTA , in grado di rovesciare la imposizione del Modello Sociale liberista e la spezzare la omologazione padronale dei Rapporti di Classe , che costituiscono i fattori strutturali della Involuzione della Vita Democratica e del Conformismo della Coscienza Culturale della società .

“Risorgimento Socialista per tali ragioni vuole lavorare per costruire un Fronte Ampio di Forze sociali e politiche , COSTITUZIONALE e LAVORISTA ,che assuma i compiti di un autenticole del paese, e per sostenere sul terreno politico, un progetto di profondo mutamento del modello sociale, attraverso la ricostruzione del nostro assetto sociale e politico Costituzionale, nei suoi due caratteri fondanti : la scelta sociale e politica Egualitaria e Lavorista ed il carattere Solidaristico dei suoi istituti fondamentali.
Un fronte che contrasti frontalmente tutti i soggetti attivi del commissariamento del paese, : il governo Draghi, il sistema Liberista e Finanziario , il Padronato nazionale e multinazionale, e tutta la classe politica che rappresenta I loro disegni autoritari.

Riteniamo che questo fronte di resistenza Democratica sia il solo modo utile per consegnare una rappresentanza politica diretta al grande movimento di lotta dei lavoratori italiani rinato attorno alla mobilitazione del 18 settembre, sulla iniziativa del lavoratori della GKN, sostenuto dalla iniziativa del Sindacalismo di Base , e rafforzato dallo sciopero generale promosso dalle categorie industriali e dei servizi delle Cgil e della Uil.

Un fronte plurale ed articolato che riassorba in positivo al suo interno, su un disegno di difesa della Costituzione e di rovesciamento del modello liberista, anche la violenta spaccatura che si è prodotta nel mondo del lavoro e nella società civile sulle politiche sanitarie del governo e soprattutto sulla introduzione del green pass per lavorare.

Vogliamo riuscire a coinvolgere sulla difesa della Costituzione, in modo rigido ed intransigente, un arco di forze molto vasto, per resistere allo schiacciamento della sovranità del Paese da parte del sistema finanziario e del capitale multinazionale, e respingere il grande disegno geopolitico euro atlantico di stabilizzazione, anche a costo di cercare uno scontro con i nuovi grandi produttori mondiali , di un sistema politico, economico e commerciale fondato sulla distruzione di ogni forma di rappresentanza e di spazio decisionale del mondo del lavoro, che giunto ad un punto di crisi profonda del suo modello di accumulazione e produzione della ricchezza sociale produce solamente un enorme distruzione di risorse ,e ritiene di poter superare le sue difficolta’ strutturali facendo ricorso a politiche imperialiste di dominio e di subordinazione economica verso tutti i paesi che vogliono mantenere indipendenti e garantite le loro ragioni economiche e sociali attraverso la difesa della loro sovranita’ indipendente .

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>