di Franco Bartolomei, 

coordinatore nazionale, Risorgimento Socialista

Il mandato di arresto spiccato dalla polizia boliviana contro il compagno Morales segna un punto di non ritorno nella storia del paese, e trasforma la presa di posizione del ‘esercito, apparentemente finalizzata a pacificare il paese ed a rifare le elezioni come richiesto dalla commissione neutrale dell’OSA, in un vero e proprio colpo di stato militare, che per ora non è degenerato in un bagno di sangue solo grazie alla intelligenza ed al senso responsabilità di Morales e del gruppo dirigente del “Movimiento al Socialismo”.

Comincia ora una nuova fase della storia della Bolivia e del Socialismo Bolivariano, quella della resistenza di massa al golpe militare organizzato dagli americani.

Ora bisogna proteggere la vita e l ‘incolumità di Morales, e manifestare ovunque la solidarietà al popolo Boliviano.

Morales ed il Mas non sono e non saranno soli in questa lotta. Rimango convinto che finiranno per prevalere, e che anche in quel paese l’Imperialismo Americano e la destra paramilitare, razzista, dei ceti proprietari verrà sconfitta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>