di Franco Bartolomei, coordinatore nazionale del Risorgimento Socialista. 

Una versione più breve di questo articolo è stata pubblicata sul sito Sollevazione.

 

L’archiviazione della procedura di infrazione delle regole sul debito pubblico rappresenta la contropartita UE per l’abbandono del progetto dei Minibot da parte del governo italiano.

Sicuramente la nomina della Lagarde dal FMI alla BCE rappresenta un modo per rinsaldare i legami tra le due sponde dell’Oceano e, garantendo una continuità con Draghi nella gestione della BCE, conferma la valenza sistemica globale, e la essenzialità del sistema EURO per tutto il sistema bancario-finanziario, commerciale e geopolitico dell’intero occidente capitalistico.

Esattamente quello che abbiamo descritto nelle nostre tesi congressuali.

La scelta della Lagarde sancisce, al di là delle chiacchiere della destra cosiddetta “sovranista”, di cui la Lega si sente il fulcro, il segno di un accordo strategico di fondo tra la destra (Visegrad e Le Pen/Salvin) , che ormai rappresenta gli interessi internazionali e le esigenze di riequilibrio commerciale poste da Trump, facendosene spalleggiare in funzione anti germanica, e i due tradizionali schieramenti liberisti di sistema (PSE e Liberal Popolari), che egemonizzano, facendo finta di alternarsi al governo, i sistemi politici del resto dei paesi della UE .

É un accordo di fondo che segna la fine di ogni velleità anti Maastricht da parte della destra sovranista e, contemporaneamente, smonta l ‘idea di un possibile attacco della amministrazione Trump al sistema monetario europeo.

Si tratta in ogni caso di un accordo fondato su una complessiva debolezza strutturale di un modello economico finanziario in crisi, incapace di garantire in prospettiva tasso di crescita adeguati a mantenere livelli di mobilità sociale e di garanzie di diritti tali da consentire una egemonia interna ed esterna al sistema.

 

Attenti tutti a scherzare con la Lega!


Nella Lega non c’è nulla di evolutivo, nè di patriottico: è solo un partito che prima ha distrutto il Paese facendo da base di massa per l’attacco alla I Repubblica , e che poi per sopravvivere finge un finto sovranismo anti-Maastricht.

Un sovranismo che viene declinato solo in modo liberista, filo-atlantico ed imperialista, e che porta la Lega a sostenere rispetto al sistema socioeconomico esistente solo variabili normative interne al sistema, tutte rigorosamente articolate su un terreno più autoritario nei rapporti civili.


All’interno del mondo cattolico, rimesso in discussione sul terreno delle scelte sistemiche dal nuovo Papato di Francesco, la Lega si predispone a rappresentare la base politica e culturale di riferimento di tutto lo schieramento interno alla Chiesa ed al mondo dei credenti che vuole rovesciare la nuova impostazione strategica, anti-liberista, multipolarista, antimperialista, e dialogativa con la realtà sociale , assunta e lanciata in campo da Francesco.

Con l’autonomia differenziata poi, unita alla flat fax, si predispone a distruggere quel poco di politica economica pubblica che si può ancora perseguire .

É un partito che cavalca le paure e le inquietudini della gente , non rimuovendo le ragioni strutturali che le determinano, attraverso operazioni tutte di portata mediatica che puntano nella sostanza solo a distruggere la presa di massa dei 5stelle.


Ed infatti contrasta la Via della Seta, abbandona l ‘idea dei Minibot, e sporca tutti i tentativi dei 5 stelle di smantellare l ‘impianto normativo in materia sociale costruito dal governo Monti.


L’accordo sulla Lagarde, attraverso cui ha ottenuto il rientro della procedura di infrazione è la prova di questa funzione sistemica della Lega:
la Lega altro non è che l’altra faccia sistemica del PD, e lavorano entrambi a rimettere in piedi un comodo bipolarismo, liberista e filo Maastricht, distruttivo per la compagine costituzionale unitaria del nostro paese, e per rendere irreversibile la distruzione del movimento dei lavoratori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>