Di Franco Bartolomei,

Coordinatore Nazionale del Risorgimento Socialista

“Condivido pienamente l ‘azione del governo diretta ad evitare il default di Banca Carige, in quanto rappresenta un messaggio chiaro al sistema monetario e finanziario europeo, organizzato attorno al traino della BCE , che da più di sei mesi con la pressione sullo spread dei nostri bond ha pesantemente giocato a mandare in corto circuito tutto il nostro sistema bancario, e con esso ciò che ancora resta di autonomo ed autosufficiente del nostro sistema paese.


L’ intervento frontale e radicale scelto dal governo in Carige va ben al di là dell’istituto genovese, significa che il governo dichiara a tutto il sistema sovranazionale della “banda spread” che è pronto ad entrare in campo direttamente e radicalmente per mettere in sicurezza il proprio sistema creditizio qualora dovesse continuare contro di esso la pressione speculativa , scatenata negli ultimi otto mesi.


È una mossa corretta e coraggiosa che protegge il risparmio ed il tessuto economico e produttivo del paese.

È una operazione di intervento pubblico su un istituto di credito di primo livello del tutto diversa, per la sua natura finanziaria e per il suo obiettivo strategico, dai salvataggi renziani delle banche regionali, che erano fuori per la loro incidenza ridotta dal mirino del fuoco finanziario internazionale, e sono state salvate solo per motivi di cordata.

Ora occorre proseguire con una vera e propria nazionalizzazione, preceduta da una fusione con Monte dei Paschi , per ricreare un istituto importante di credito pubblico, o di interesse pubblico , simile a quelli di cui disponeva il paese prima del 1993.”

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>