di Antonino Gulisano


Il mondo capitalistico si è incontrato sulla finta scelta tra “libero mercato” e “Governo”.

La Destra chiedeva più mercato e meno gove
rno, la Sinistra voleva più governo e meno mercato.
Questo dibattito nasconde una realtà, il ruolo imprescindibile del Governo dell’economia nel concepire, organizzare e controllare il mercato. Il Governo non esaurisce mai il suo ruolo perché i cambiamenti del mercato sono continui per innovazioni, progressi tecnologici, i quali impongono l’adozione di nuove scelte. 


Gli unici fenomeni che si evidenziano sono le redistribuzioni esplicite del Governo dai ricchi ai poveri attraverso le tasse e i trasferimenti. Ma questa è una piccola cosa di pari passo con la divaricazione dei redditi. Queste redistribuzioni verso il basso costituiscono una piccola parte del quadro complesso del rapporto. 


In realtà la principale redistribuzione è avvenuta e avviene nella direzione opposta: dai consumatori, dai lavoratori, dalle piccole e medie imprese e piccoli investitori verso l’alto come i top manager, i gestori dei portafogli e i maggiori detentori di capitali fissi, la finanza e i trader di borsa.
I principali canali di trasferimento retributivi si nascondono all’interno delle regole del mercato: 1) proprietà, 2) monopolizzazione, 3) contratto, 4) fallimento, 5) enforcement,(controllo) che sono state plasmate da chi ha grandi ricchezze e un enorme peso politico. Si tratta di una “pre- distribuzione verso l’alto” che avviene all’interno dello stesso meccanismo del mercato e poi il Governo redistribuisce una piccola porzione verso il basso ai poveri attraverso imposte e trasferimenti.


L’ economia moderna si sposta sempre più verso le idee, allontanandosi dai prodotti tangibili, queste regole sono diventate ancora più oscure. La proprietà oggi più preziosa è quella intellettuale: brevetti, accordi pay for-delay, (di ritardato pagamento), leggi del copyrighit (durata 90 anni).

 
I contratti moderni non riguardano tanto le cose quanto i dati e le idee. La finanza è diventata così opaca. Il potere negoziabile dei lavoratori è stato eroso dalle “right to work laws” (diritto al lavoro), che hanno formalizzato il passaggio a una inadeguata e pericolosa contrattazione dei diritti, dalla contrattazione collettiva. Gli accordi internazionali proteggono la proprietà intellettuale e le attività finanziarie, ma non il valore economico dei posti di lavoro. Le strategie di enforcement (controllo) vengono svolte dalle agenzie incaricate dell’ispezione e controllo, soprattutto nelle società finanziarie, con personale ridotto all’osso, chissà perché …

Il “libero mercato” fa da cortina fumogena affinché il sistema per redistribuire i guadagni economici appaia il risultato naturale e inevitabile di forze neutrali. L’ideale meritocratico presuppone che si venga retribuito su per giù in proporzione al proprio valore: chi è pagato poco presuppone che vale poco o prende quanto vale, mentre chi è pagato tantissimo si presuppone che non valga di meno.

Da questa categoria economica si trasferisce in una categoria morale. È il concetto meritocratico calvinista: l’entità del proprio reddito equivale alle proprie virtù. Il punto è che al posto di un astratto “libero mercato” c’è una concretissima economia politica sulle regole del gioco. Il problema non sono il potere o l’influenza in sé e per sé di chi comanda, ma piuttosto la relativa mancanza di potere e influenza dall’altra parte. Non ci sono più i contrappesi significativi, cioè forze capaci di controllare e riequilibrare il crescente peso politico della finanza e dei super ricchi. Il ceto medio e i poveri hanno pochissima capacità di agire di propria volontà.

La Sinistra o l’alleanza dell’alternativa del Governo deve rispondere a tre interrogativi: 1) se non si ristabiliscono dei contrappesi, questa tendenza come minaccerà o mette a freno il Capitalismo? 2) come possono il ceto medio e i poveri recuperare un sufficiente potere competitivo che gli permetta di riorganizzare il mercato affinché generi una prosperità diffusa? 3) che forma potrebbe assumere tale riorganizzazione?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>